Recensione su Chiamami col tuo nome

/ 20177.6377 voti

Idillio / 3 Aprile 2019 in Chiamami col tuo nome

Ho recuperato ora questo film e magari tra una settimana cambierò idea, ma quello che mi è rimasto è ben poco.
Non è un brutto film anzi, e visivamente bello, la sceneggiatura funziona bene ma ha un qualcosa che non mi convince.
E’ tutto troppo facile, i due protagonisti sono perfetti sia fisicamente che esteticamente, i genitori di lui accettano senza problemi la sua omosessualità. Un film così libero, tutti così liberi di amare, tutti scopano con tutti,tutto così pulito tutto così ricco. Quando la mia mente stava per mandare a fanculo tutti ho capito: questa storia non vuole rappresentare la vita ma solo un’idea.
Infatti gli stessi personaggi sembrano usciti fuori dalle opere d’arte: Oliver è uguale ai bronzi greci, perfetto scolpito, mentre Elio sembra una creatura di Caravaggio un piccolo bacco preso dal suo amore carnale. I due rappresentano due facce diverse dell’amore, una più perfetta, trattenuta, una irrazionale appunto baccante. Uno segue più l’apollineo l’altro è dionisiaco. Cioè uno pure abbandonandosi alla passione rientra nel cammino prestabilito (Oliver), mentre l’altro si fa bruciare dalla sua passione. Un film che sebra semplice ma che è complesso dietro, e ringrazio satana che non abbiano puntato sui problemi da coppia gay, o che non abbiano esplicitato le scene di sesso, il vedo non vedo è sempre il modo migliore di mostrare (secondo me).
Guadagnino dirige bene l’opera, come aveva già dimostrato in altri film,ma qui la storia ha una struttura più solida anche se questo si avvicina molto al filo del rasoio tra essere un qualcosa a essere puro esercizio stilistico. Un film insomma che mi ha davvero colpito, ma che ha dei difetti come dei dialoghi troppo perfetti, pomposi e dei personaggi che sanno sempre cosa dire e lo dicono con le parole giuste. Ma in fondo è un grande mito, una storia idilliaca infatti è ambientata d’estate, in un posto di vacanza e vista dagli occhi di un giovane. Tutto appare perfetto in questo idillio, ma come dice Woody Allen alla fine di Io e Annie, almeno nell’arte bisogna ricercare la perfezione.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext