Recensione su Chiamami col tuo nome

/ 20177.5423 voti

10 e lode! / 16 Agosto 2021 in Chiamami col tuo nome

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Bello, bello e ancora bello! Ho visto migliaia di film di tutti i generi e di tutte le epoche. Questo però mi ha lasciato il segno. Non amo la regia di Guadagnino e neppure più di tanto i film a tematica gay, spesso retorici e scontati. Ma questo film per me racchiude magia e sentimento. La narrazione, l’utilizzo di musiche perfettamente accostate ad immagini, dialoghi perfetti, location più che perfetta, personaggi di contorno squisiti, la bravura degli attori e la mai banalità della trama rendono, per me, questo film un vero CAPOLAVORO. Visto, rivisto e stravisto. Raramente ho guardato un film più di due volte in un periodo ravvicinato. Questo l’ho rivisto ben 8 volte in due mesi, per carpirne più dettagliatamente ogni immagine, ogni dialogo, ogni istante di sentimento che profonde. Ogni volta, nel dialogo genitore-figlio finale mi sono commosso, come quando parte il treno e la magia della loro storia d’amore è finita. Il tutto condito con l’atmosfera anni 80 in cui tutto era forse più difficile ma autentico di oggi. Lo consiglio a cui ha voglia di emozionarsi, lasciando perdere i tecnicismi registici o quant’altro. Lasciatevi trasportare dall’empatia dei protagonisti e vivete con loro, fino alla fine, questa stupenda storia d’amore! Scene memorabili: il ballo di Oliver sulle note di “love my way”, la corsa in bicicletta con gli intramezzi della musica di Ravel fino alla dichiarazione d’amore di Elio, nonché l’espressione di quest’ultimo nella scena finale. Un film che non meritava un solo Oscar, ma molti di più.

Lascia un commento