Calamari Union

/ 19857.511 voti
Calamari Union

Diciotto uomini, tutti di nome Frank, decidono di fuggire da Helsinki, alla vòlta di un mitico luogo chiamato Eira. In coppia, in gruppo o da soli, cercano di allontanarsi dalla città, ma i più svariati contrattempi sembrano impedirglielo.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Calamari Union
Attori principali: Sakari KuosmanenPirkka-Pekka PeteliusTimo EränköKari HeiskanenAsmo HurulaSakke Järvenpää, Dave Lindholm, Mikko Mattila, Pate Mustajärvi, Tuomari Nurmio, Matti Pellonpää, Pertti Sveholm, Martti Syrjä, Pantse Syrjä, Markku Toikka, Mato Valtonen, Puntti Valtonen, Kari Väänänen, Mari Rantasila, Aki Kaurismäki
Regia: Aki Kaurismäki
Sceneggiatura/Autore: Aki Kaurismäki
Fotografia: Timo Salminen
Produttore: Aki Kaurismäki
Genere: Drammatico, Commedia, Fantasy
Durata: 81 minuti

Frank e i suoi amici. / 19 Gennaio 2014 in Calamari Union

(Sei stelline e mezza)

Benché strampalato fino all’inverosimile, questo film convince per via della messinscena limpida, nonostante le apparenze, di una metafora: la fuga del manipolo ben assortito di uomini è vana ed irrisolta e rispecchia l’altrettanto inutile tentativo di evasione dell’uomo “comune” dalla routine o da una realtà che gli va stretta per troppi motivi.

Lentamente, lo spettatore scopre alcuni di queste ragioni: rapporti edipici irrisolti, paternità indesiderate, ecc.
E’ curioso, pur se poco esplicitato, che ciascun Frank abbia, nonostante una certa omologazione estetica dovuta, per esempio, agli occhiali scuri ed al genere di abiti indossati, una personalità sufficientemente definita, caratteristiche peculiari (c’è quello che parla inglese, quello che ha una chiara predisposizione al comando… e così via) e perisca o esca di scena in maniera diversa rispetto agli altri.

Fotografia splendida (il b/n di Kaurismaki, già apprezzato in Tatjana è genuino, fortemente evocativo, ha un fascino oserei dire francese, à la Nouvelle Vague), solita ottima colonna sonora.
Mi ha colpito la bellezza delle ragazze in scena: solitamente, l’estetica femminile delle pellicole di questo regista è “limitata” a quella un po’ (volutamente) scialba di Kati Outinen, mentre qui l’essenza femminina delle attrici è fondamentale, per far capitolare il Frank di turno.

L’omonimia tra i personaggi è una trovata “sulfurea” che tanto mi ha ricordato la pletora di Aureliano Buendìa in Cent’anni di solitudine di Marquez: ovvero, il destino scritto in un nome.

Leggi tutto

24 Marzo 2013 in Calamari Union

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Ormai Scandinavia a manetta. Finlandia. Il povero Aki Kaurismaki è un regista con questo nome che tutti prendono per il c**o quando vogliono irridere il cinema d’essai (vedi in Tutta la vita davanti). Però è un genio, che se ne sta nel suo angolino a far film belli e assurdi senza disturbare nessuno. O io son di parte, non so.
Questo è tra i primi, genious, 17 tipi che vogliono attraversare Helsinki e si chiamano tutti Frank. Potete immaginare i dialoghi:
-Frank, dì a Frank che noi ce la squagliamo.
-Ok Frank.
Insieme e separati, questi Frank, che alla fine è come se fossero un singolo personaggio molteplice, attraversano la città con i loro comportamenti strampalati e i loro occhiali da sole, cadendone vittima uno ad uno. La città, che incarna l’antagonista, è indifferente, quanto lo potrebbe essere l’acqua se presa a pugni, e si muove ormai con regole che il singolo individuo umano non può più capire. Ecco, il punto, dico io, è che è la città a essere assurda, inumana, e non loro, ed per questo che sono condannati a soccombere. O ad andarsene, altrove.
Bellissimo, e poi prima o poi voglio anch’io poter dire questa battuta:
Donna, tu continui a non capire!
Quanto mi sentirei figo.

Leggi tutto

5 Maggio 2011 in Calamari Union

Uno dei film più strani di Kaurismäki, pieno di gag strampalate e imprevedibili.
I diciotto Frank che vanno ricerca della mitica ed introvabile Eira, sono davvero una trovata geniale.

inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.