Recensione su Brotherhood - Fratellanza

/ 20106.937 voti

18 Aprile 2012

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

La debolezza fondamentale sta nel fatto che inizi come un film sul Neonazismo, condannandolo dall’interno, e poi invece si disperda in una storia di amore gay.

Lars ha poco più di vent’anni quando viene allontanato dall’esercito danese perché omosessuale; non trova nulla di meglio da fare allora che associarsi ad un gruppo di neonazisti. Qui sta l’errore alla base della sceneggiatura, ma forse anche l’unico punto sul quale interrogarsi: è così facile imboccare un simile sentiero, come per caso?

A questo punto, entrato nel simpatico gruppetto che si diletta in pestaggi di omosessuali e di immigrati, Lars si trova a convivere con Jimmy, veterano della combriccola. Tra i due scatta immediatamente la passione, non priva di una certa tenerezza e di certo non in linea con l’etica che dovrebbero professare entrambi, e per questo inevitabilmente considerata riprovevole e da punire da parte degli altri compagni di merende.

La punizione arriva; di una certa intensità la scena in cui Jimmy pesta Lars e poi lo consola. Non delude il vero e proprio finale, che inverte i ruoli (è Lars che si dà per spacciato dall’inizio, invece la parte peggiore della pena tocca a Jimmy) e lascia una seppur fievole speranza per i due -Jimmy potrebbe anche risvegliarsi.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext