Recensione su Ribelle - The Brave

/ 20127.0693 voti

Ritorno al passato per la Disney / 5 gennaio 2013 in Ribelle - The Brave

Dopo Rapunzel, la Disney sforna un altro cartone a base di principesse, con l’incredibile capacità grafica della Pixar, che di lavoro in lavoro mi lascia sempre più a bocca aperta.

La trama, semplice e scorrevole, è molto più adatta a giovani adolescenti che a bambine piccole, per il tema che viene trattato: il tipico scontro generazionale, tra figlie e madri, che ricorre inesorabilmente attorno ai 14-15 anni.
Nulla di eccezionalmente originale comunque.

Il film ha dei momenti emozionanti, adrenalinici e pieno di suspance, ma nel complesso non è che coinvolga più di tanto. Però il tutto ricorda moltissimo le vecchie atmosfere disneyane, quelle del “C’era una volta una principessa..”, solo che per fortuna, qua nessuno parla d’amore.
Nessuno è in cerca del principe azzurro, nessuno si strugge l’anima, nessuno rompe le palle con le canzoncine melense e strappalacrime (che ho amato e so a memoria, però bbbasta!), perché finalmente Merida è una donna con le palle.
La seconda, dopo Mulan, nell’universo Disney.

Non la classica donzella in pericolo, è una che ha il coraggio di lottare contro tutto e tutti, pur di raggiungere il proprio scopo, pur di mantenere la propria libertà.
Per una volta non è la ricerca dell’anima gemella a dover completare la protagonista femminile. W l’indipendenza!
Finalmente la Disney ha donato a noi donne-maschiaccio un’altra eroina come si deve, in cui immedesimarci!!!

I tratti d’emancipazione e quelle dosi di novità sono caratteristiche esclusivamente Pixar, che torna a stupire, anche se con questo prodotto non raggiunge affatto i livelli emotivi o avventurosi dei suoi ultimi lavori come Toy Story 3 o Up.
Diciamo che si ritorna al classico, con un tocco di freschezza.

Ottima la colonna sonora prettamente celtica e le ambientazioni fatte di fondali verdissimi che raccontano le colline scozzesi.

Peccato solo che si facciano troppi riferimenti a vecchi cartoni animati (la scena della freccia è identica a quella di Robin Hood), manchi una buone dose di divertimento e il villain di turno.
In Ribelle – The Brave infatti non c’è un cattivo ben definito contro lottare, il nemico potrebbe essere identificato con il destino stesso.

Non spegnete il film subito raggiunti i titoli di coda!

Lascia un commento

jfb_p_buttontext