2018

Black Panther

/ 20186.7204 voti
Black Panther
Black Panther

T'Challa torna nel suo Paese, il Wakanda, dopo la morte di suo padre, per essere nominato re. Due nemici si alleano per impedirne l'ascesa al trono e T'Challa è costretto a indossare i panni di Pantera Nera: nel tentativo di salvare il suo Paese e il mondo intero, si allea con la CIA e le Dora Milaje, le forze speciali del Wakanda.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Black Panther
Attori principali: Chadwick BosemanMichael B. JordanLupita Nyong'oDanai GuriraMartin FreemanDaniel Kaluuya, Letitia Wright, Winston Duke, Sterling K. Brown, Angela Bassett, Forest Whitaker, Andy Serkis, Florence Kasumba, John Kani, David S. Lee, Nabiyah Be, Isaach De Bankolé, Connie Chiume, Dorothy Steel, Danny Sapani, Sydelle Noel, Marija Abney, Zola Williams, Janeshia Adams-Ginyard, Maria Hippolyte, Marie Mouroum, Jénel Stevens, Sope Aluko, Stan Lee, Atandwa Kani, Ashton Tyler, Denzel Whitaker, Shaunette Renée Wilson, Christine Hollingsworth, Lucy Hockings, Bambadjan Bamba, Roland Kilumbu, Francesca Faridany, Mark Ashworth, Seth Carr, Jeremy Sample, Alexis Rhee, Alex Hibbert, Trevor Noah, Sebastian Stan, Tahseen Ghauri, Danny Chung, Shad Gaspard, William Cowboy Reed, Michael David Yuhl, Elizabeth Elkins, Raven Wynn, Amechi Okocha, Tony Sears, Timothy Carr, Apollo GT, James Siderits, Travis Love, Lidya Jewett, Alona Leoine, Kinley Fleurejuste, Ofu Obekpa, Michael R. Ciminna, John Y Lee, Byron Coolie, William Walker, Joseph Akharoh Jr., Stanley Aughtry, Raenen Golez, Leo De Rivera, Tevin Beech, Tari Omoro, Andrea Antonio Canal, David Dunston, Emelita T. Gonzalez, Josue Louis-Charles, Isaac Phillips, Jamel Chambers, Michael Christopher Rodney, Shivam Pota
Regia: Ryan Coogler
Sceneggiatura/Autore: Joe Robert Cole, Ryan Coogler
Colonna sonora: Ludwig Göransson
Fotografia: Rachel Morrison
Costumi: Ruth E. Carter, Wendy M. Craig, Paul A. Simmons Jr.
Produttore: Kevin Feige, Victoria Alonso, Jeffrey Chernov, Louis D'Esposito, David J. Grant, Stan Lee, Nate Moore
Produzione: Usa
Genere: Azione, Fantascienza, Supereroi
Genere:
Durata: 134 minuti

Qualcuno vendichi Killmonger / 1 Giugno 2019 in Black Panther

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Questa è la triste storia di un giovane eroe, proveniente da un paese dell’Africa chiamato Wakanda. Il nostro eroe ha perso il padre, ed è deciso a combattere per ciò che è suo, il trono del Wakanda. Le leggi del Wakanda sostengono che può reclamare il trono chi ha sangue di re, e lui ne ha, e per ottenere ciò che gli spetta di diritto deve sconfiggere in un combattimento a corpo a corpo l’altro pretendente. Il Wakanda è un paese magico, finge di essere un paese del terzo mondo ma in realtà è in possesso di un avanzatissima tecnologia che permette di curare il cancro, le vertebre rotte e probabilmente potrebbero con quelle navicelle spaziali ipertecnologiche impedire la colonizzazione e lo sfruttamento di tutta l’africa.
Ma c’è del marcio in Wakanda. Infatti il regno è governato da un perfido sovrano che ha ucciso il fratello lasciando il suo povero figlioletto orfano per delle ragioni del tutto illogiche. Ora però è morto perché esiste una giustizia divina, e al suo posto gli è succeduto il figlio, un idiota beota che sa fare sì e no due espressioni in croce.
Il nostro principe Erik con la K però non ci stà. Come un novello Simba, dopo anni di assenza in cui è cresciuto nel ghetto nero è un tantino arrabbiato con lo zio e con il cugino. Però decide di scegliere la via giusta, uccide un trafficante d’armi e riporta il cadavere al Wakanda. I Wakandiani sono gente evoluta, così evoluta che alla vista del cadavere concedono a Erik di combattere con il cugino diversamente intelligente, per concorrere al ruolo che gli spetta, quello di re. Ed essendo un film disney, Erik vince, elimina il cugino e lo butta da una rupe.
Poi prende la decisione di aprire le porte del Wakanda, perché santa pazienza, abbiamo la cura per il cancro, perché dovremmo tenerla per noi?
Tuttavia c’è ancora del marcio in Wakanda. Il cugino dalla faccia espressiva come un divano comprato a prezzo pieno da poltrone sofà è sopravvissuto, ritorna, ed entrambi combattono con il potere della pantera nera. In una battaglia con degli effetti speciali talmente brutti che ho preferito fissare il muro che c’è dietro la mia televisione piuttosto che guardarli.
Il povero Erik rimane ferito. Potrebbero curarlo in un petosecondo. Ma preferisce morire da vero eroe qual’è. Mentre il cugino rimane sadicamente a guardarlo morire così, giusto perché aveva due minuti liberi rosicchiati dalla pausa dalla guerra civile. Poi boh apre i porti, ma senza il mio eroe, non aveva più senso questo film.
Da tutto questo ho capito che i wakandiani sono dei celebrolesi. Stato evoluto col vibranio e tutti i crismi, e poi sono ancora soggetti a una monarchia assoluta, eletta in base a chi tira le capocciate più forte. Vabbè, RIP Killmonger, insegna agli angeli a morire senza una valida ragione, dopo che avevi vinto la gara delle capocciate.

Leggi tutto

una pena politicamente corretta / 17 Febbraio 2019 in Black Panther

purtroppo la Disney e le principali major iniziano a mischiare troppo spesso la politica e le scelte ideologiche con la settima arte dura e pura. Una grande oscenità candidare questo film agli Oscar come miglior film, così come osannare un misero action movie o cinecomic che peraltro risulta il peggiore nella storia dei Marvel Studios.

Incredibilmente sopravvalutato / 7 Giugno 2018 in Black Panther

Un film incredibilmente sopravvalutato: una storia esile, elementare, priva di emozioni, con sottotrame che terminano in maniera brusca (si veda il modo in cui viene sommariamente abortita la missione di Nakia, o come finisce la storia del criminale Klaue); una costruzione delle scene spesso inetta, come il banalissimo inseguimento in auto, o i combattimenti quasi sempre poco leggibili (un problema che ultimamente sembra essere divenuto endemico); l’estetica poco originale, con la capitale wakandiana che assomiglia in modo sospetto a Shanghai; la filosofia politica francamente reazionaria (Wakanda non è esattamente una democrazia).
Si salvano parzialmente gli interpreti, in particolare quelli femminili, che tendono a dominare la scena: Danai Gurira rifà sostanzialmente il personaggio di Michonne di THe Walking Dead, solo più marziale, Letitia Wright è una Q in versione sorellina rompiscatole, e Lupita Nyong’o frastorna lo spettatore con la sua bellezza sconcertante, rendendolo per un attimo insensibile alle molte magagne del film.

Leggi tutto

Niente male! / 26 Aprile 2018 in Black Panther

Come film preparativo a in nuovo personaggio, il film è molto interessante e dà ottimi spunti per il prossimo sequel, ma anche per l’intero universo cinematico a cui sonoegati tutti personaggi!
E il prossimo film sarà Avengers – Infinity War e questo introduce un personaggio curioso, che di sicuro avrà un ruolo rilevante.
Ottimo l’inseguomento in auto!!!
Un bel 7,5… ci sta!

Leggi tutto

Black panther / 8 Aprile 2018 in Black Panther

La Marvel si butta anche essa sul “politically correct” tanto caro ad un’America così attaccata e caritatevole verso la diversità nelle sue dichiarazioni al mondo o industrie, quanto anacronistica nelle sue politiche. Interessante il dualismo familiare tra i protagonisti e la politica chiusa e protezionista declinata in maniera opposta all’attualità, ma non basta a coprire la storia fin troppo classica, l’assenza di tempi comici, ritmo e persino di climax sui momenti topici e la presenza di buoni spunti solo lanciati ma mai approfonditi. Un film sopravvalutato per ciò che voleva essere e per la sua politica più che per quello che è effettivamente

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.