Recensione su Birdman o (L'imprevedibile virtù dell'ignoranza)

/ 20147.6731 voti

Io e Inarritu non ci prendiamo proprio / 20 ottobre 2015 in Birdman o (L'imprevedibile virtù dell'ignoranza)

Con Inarritu ho sempre avuto un rapporto controverso. Tra i suoi film che ho visionato(“21 grammi”, “Babel”, “Birdman”), nessuno dei tre mi ha veramente colpita, anzi mi hanno quasi lasciato del tutto indifferente. Con questo non voglio dire che sia sopravvalutato, il talento c’è e si vede, ma posso confermare ora con certezza che non è un regista adatto a me.
Nei confronti di “Birdman” avevo alte aspettative, coadiuvate dalle tante recensioni positive lette da me in questi mesi e per la presenza nel cast di due attori che, chi un modo e chi nell’altro, mi piacciono molto, Michael Keaton ed Edward Norton.
Beh, ne sono rimasta delusa, o perlomeno non era quello che mi aspettavo. Non ho nulla da dire per quanto riguarda il punto di vista tecnico, registico e attoriale, ma francamente è un film che oltre a non avermi entusiasmato mi ha anche annoiata in alcuni punti, troppo intellettuale e narcisista per i miei gusti, un film che poteva essere interessante(l’idea dii base di criticare aspramente il sistema-spettacolo americano è ottima, ma alla fine si perde in un’autoreferenzialità che ho trovato un po’ fastidiosa.
Tutt’altro discorso per quanto riguarda gli attori, Michael Keaton, a mio parere da sempre sottovalutato, dimostra ancora una volta di essere un ottimo attore e Edward Norton, beh, per me rappresenta quasi il Dio della recitazione(non esiste al momento attore più bravo di lui, mio parere personale).
Mi dispiace ma mi aspettavo qualcosa di diverso. Inarritu è sicuramente un ottimo regista, forse uno tra i migliori della sua generazione, ma io e lui non ci prendiamo proprio.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext