Recensione su Ferro 3 - La casa vuota

/ 20048.0374 voti

. / 31 Marzo 2019 in Ferro 3 - La casa vuota

In alcuni punti la storia risulta essere estremamente irrealistica (lei che lo trova in casa e ce lo lascia per tutto il giorno senza farsi venire in mente di chiamare la polizia, oppure il momento dell’interrogatorio). Ciò non toglie comunque nulla al film e alla profondità del suo messaggio.
Un ragazzo invisibile, che occupa le dimore vuote mentre i proprietari non sono a casa, finché non si innamora di una donna picchiata dal marito e non fuggono assieme. Una bellissima riflessione sulla condizione di emarginato e sugli abusi che questo deve subire da chi è in una posizione più vantaggiosa (esempio quando viene arrestato). C’è un divario troppo profondo tra i personaggi e le persone comuni, che si concretizza attraverso la scelta di non parlare, pur essendoci, all’interno della storia, diversi momenti in cui al protagonista viene data la possibilità, con l’incomunicabilità.
Ferro 3 è il nome di un tipo di mazza da golf, la meno utilizzata in questo sport. L’arma diventerà poi, per il protagonista, uno strumento di riscatto.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext