non è un horror / 24 Dicembre 2019 in Better Watch Out

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Un film inspiegabilmente classificato come horror mentre si tratta solo di una commedia nera. Una baby sitter deve accudire x l’ultima volta un ragazzino ormai quindicenne segretamente innamorato di lei ma fuori della casa sembra ci sia qualcuno ad osservarli.
l’inizio promette ma non mantiene, anche perchè si scopre presto che il ragazzino a chiesto all’amico di fingersi un serial killer senza troppo successo però. La prima parte quindi non crea tensione e paura, nella seconda parte quando inizia davvero una sorta di “gioco al massacro” anche le parti splatter vengono in qualche modo rese soft (non so se per tagli televisivi o per scelta registica) e il doppio finale a sorpresa non vale la sufficienza.

Leggi tutto