Recensione su Batman

/ 19897.4516 voti

14 Gennaio 2014

Devo ammettere che soltanto riguardandola ora, realizzo quanto questa pellicola abbia profondamente segnato la storia del cinema contemporaneo. Qualcuno potrebbe pensare: “Batman? Che idiozia!”, ma è proprio questo film, datato 1989, ad aver creato un genere cinematografico che, nel bene e nel male, ci portiamo dietro ancora oggi. Siamo sul finire degli anni ’80, quando qualcuno pensò di riesumare un fumetto ormai dimenticato, che vantava numerose, e alquanto ridicole, comparse sul piccolo schermo, conferendogli una nuova dimensione, del tutto diversa dalle precedenti. L’obiettivo era quello di realizzare il più grande e maestoso film mai visto, pur affidando la regia ad un quasi esordiente cineasta proveniente dagli studios della Disney. Sulla carta una vera e propria scommessa.
I risultati si fanno però apprezzare ancora oggi, a più di 20 anni di distanza. La trama, il cast e l’ambientazione sono elementi ormai ben noti, ed appare inutile dibattere ed azzardare paragoni con la nuova trilogia di Nolan.
Il successo che avvolse il film, generò, nell’arco dei ’90s, diversi sequel e serie animate, che però, in molti casi non resero fede al capostipite.
Ciò che questo primo episodio ha creato, è l’immagine di un mondo senza tempo, di personaggi bizzarri e grotteschi, ma incredibilmente umani.

14 commenti

  1. Francesco / 14 Gennaio 2014

    @kint D’accordissimo. Il paragone con Nolan è fuori luogo. Anni diversi, atmosfere diverse ma soprattutto visioni diverse dell’uomo pipistrello. Mi piace molto la trilogia di Nolan quest’ultimo, ma i due Batman di Burton hanno un fascino tutto loro che non scade mai col passare del tempo.

    • Francesco / 14 Gennaio 2014

      (il “quest’ultimo” è un capriccio della mia tastiera, non calcolarlo XD)

      • kint / 14 Gennaio 2014

        Esatto,hai colto in pieno quello che volevo dire, i primi due Batman, ma in particolare questo episodio, rappresenta per me un’opera senza tempo, che non passa mai di moda, una vera rivoluzione per il connubio tra cinema e fumetto.

  2. Bisturi / 14 Gennaio 2014

    I due Batman di Tim Burton sono cinema e poesia, come dimenticare l’inizio di Batman-Il Ritorno, quando in uno scenario fiabesco i due genitori gettano nelle fogne il loro piccolo che poi sarebbe diventato il Pinguino?!! Senza contare, nel primo, il Joker di Jack Nicholson, la perfezione!!! I Batman di Nolan sono tecnica e muscoli, più somiglianti ad un riuscito Die Hard! Se i primi due sono passabile l’ultimo fa veramente ridere. Paragoni impossibli, Burton è un artista, Nolan un tecnico freddino!

    • hartman / 14 Gennaio 2014

      Sono d’accordo con te al 100%, @rodriguez86… come ho già scritto nelle recensioni dei film di Nolan… poi c’è (parecchia) gente che la pensa all’opposto..
      pure a me viene subito in mente quella scena, quando penso ai batman di burton..

      • Bisturi / 14 Gennaio 2014

        Queella scena è struggente @hartman, ogni volta mi commuove e rattrista. Il personaggio del Pinguino è così sfaccettato, un “cattivo” dal cuore spezzato che ha creato un suo mondo sotterraneo. Se ci si pensa vengono i birivdi. Ste cose il buon Nolan se le sogna, anzi, non gli verrebbero proprio in mente.

        • hartman / 14 Gennaio 2014

          proprio così @rodriguez86… concordo su tutta la linea… anche sul fatto che l’ultimo di nolan nun-se-pò-vvedè… gli altri due (i primi) un pò meglio…

          • kint / 14 Gennaio 2014

            No, a Nolan va riconosciuto il grande merito di aver costruito un ponte tra fumetto e introspezione psicologica. Per una volta reputo la rivisitazione della serie necessaria, in quanto compensa le gli aspetti accantonati e non approfonditi nella vecchia serie (e anche nei fumetti), ma ripeto, non si possono fare paragoni, ognuno ha i suoi meriti! Sono due visioni differenti, ma altrettanto valide dell’uomo pipistrello.

          • alex10 / 14 Gennaio 2014

            allora ho fatto bene a vedere solo i primi due, che comunque non mi hanno fatto impazzire.
            l’ultimo non l’ho visto allora, non ho intenzione di farlo ora e,l probabilmente, non lo farò mai. prometteva (e tuttora promette) troppo male !!

  3. kint / 14 Gennaio 2014

    No, a Nolan va riconosciuto il grande merito di aver costruito un ponte tra fumetto e introspezione psicologica. Per una volta reputo la rivisitazione della serie necessaria, in quanto compensa le gli aspetti accantonati e non approfonditi nella vecchia serie (e anche nei fumetti), ma ripeto, non si possono fare paragoni, ognuno ha i suoi meriti! Sono due visioni differenti, ma altrettanto valide dell’uomo pipistrello.

    • Bisturi / 14 Gennaio 2014

      Sarà che su di me Nolan esercita poco fascino, ma i suoi Batman hanno si momenti interessanti, non lo nego, specialmente il secondo, ma non hanno alcun tipo di fascino, sono fracassoni come un Die Hard e freddi come un qualsiasi action blockbuster girato da un regista che è oggettivamente tecnicamente preparato. Ma oltre la bella confezione c’è poco, si attori bravi ma quando nel cast si hanno Morgan Freeman e Micheal Caine (che nemmeno si sprecano più di tanto) si và sul sicuro. Decisamente Tim Burton ha un tocco diverso, più fiabesco, visionario, gotico, viene da una scuola diversa e si vede, Nolan non ha le visioni di Burton (non glielo rimprovero, quelle si hanno o non si hanno) è solo un regista preparato tecnicamente in grado di gestire grossi budget, tutto lì!!!

      • alex10 / 14 Gennaio 2014

        io nolan non lo odio, secondo me è molto abile ma deve perfezionare qualcosina, manca di un certo stile che lo contraddistingue e che lo fa risultare un po’ più “presente”, come dovrebbe essere in un SUO (e sottolineo suo) film !
        infatti, lo reputo assai bravo.
        però forse capisco cosa intendi, @rodriguez86 ti sembra uno di quelli solo forma e niente contenuto, tipo i tipi (scusa il gioco di parole) che hanno ideato matrix, quelli lì sì: sono d’accordo.

        • Bisturi / 15 Gennaio 2014

          Beh odio è una parola grossa, sulla mia listanera ce ne sono ben altri e ben più incapaci! Ripeto è un regista, forse a mio gusto, troppo freddo e accademico! Su Matrix e affini, beh, per me quello è un videogame, non cinema! @alex10 😉

          • alex10 / 15 Gennaio 2014

            aahahahahah su matrix son d’accordo. 😀

Lascia un commento

jfb_p_buttontext