Recensione su Batman v Superman: Dawn of Justice

/ 20165.8290 voti

Il dilemma dell’eroe / 11 Maggio 2016 in Batman v Superman: Dawn of Justice

Fare meglio del terribile ‘L’uomo d’acciaio’ era davvero il minimo che mi potessi aspettare da Snyder, regista con un innegabile tocco fumettistico seppure un po’ troppo incline alle scene di megadistruzione. La storia, come spesso giustamente è stato rimarcato, regge su un pretesto davvero microscopico, rischiando di far saltare per aria l’intera sceneggiatura, nonostante sia interessante il dilemma dell’eroe che per un salvataggio si lascia dietro una scia di devastazione, paragonabile al modello interventista americano. Quanto a Batman, inutile sparare sulla croce rossa, Ben Affleck ha quella faccia lì e riesce a stonare in quasi tutti i ruoli; con la tutona armaturizzata poi sfioriamo il limite del ridicolo. Pessimo anche l’Alfred di Jeremy Irons, in pratica la fotocopia sciupata di un Tony Stark invecchiato. Non parliamo poi del villain, l’improponibile Lex Luthor di Jesse Eisenberg che sembra un liceale prolisso e problematico. Convincenti invece le due star femminili, Amy Adams e Gal Gadot.
Infine, per chi come me conosce poco o nulla della new wave dei fumetti DC o Marvel, il finale è stato davvero sorprendente. Coraggioso Snyder, in questo l’ho parecchio apprezzato.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext