Recensione su Ballata dell'odio e dell'amore

/ 20107.390 voti

17 Dicembre 2012

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Cazzo! Questo ora ve lo spoilererei tutto, ma in realtà, se riuscite a sopportare la violenza quando scoppia, è solo da vedere. Uscito in Italia sottovocissima, come fai a non amare un film quando quasi subito c’è una scena con un clown con la barba, dei vestiti da donna rosa e una parrucca bionda, ma non solo, questo clown con un machete che corre incontro e attraverso un reggimento di fascisti franchisti, uccidendone a dozzine? Come fai?
Niente, rinunci.
Siamo all’inizio della Spagna franchista, il clown di cui sopra ha un figlio, a cui assegna un destino: diventare un clown triste, e la vendetta. Javier cresce e diventa un grasso e sfigato clown triste in un circo. Qui deve fare coppia in scena con il suo opposto, il clown allegro, autentico boss della banda del circo. Quella topa di Natalia, acrobata nel circo, ha un rapporto di amore masochistico con l’allegro. Ma finisce per farla annusare anche a Javier. Lui vuole salvarla dalla violenza di allegro. E allora da sfigato si vendica, e lo sfigura a colpi di tromba. Scappa nudo nel bosco. Viene ritrovato da un colonnello franchista a cui da piccolo aveva fatto perdere un occhio. Ma mentre aspetta di essere giustiziato fa in tempo dapprima a mordere la mano a Franco in persona. E poi si sfigura a sua volta, con l’acido e con un ferro da stiro in faccia. E armato di mitra giustizia il colonnello che gli aveva catturato il padre, e va a cercare il suo amore Natalia e il sempre vivo e sfigurato clown allegro. Vabbè, basta, la violenza è il collante di questa società disperata, che cerca di svagarsi tra le gag di un circo. Ma tutti i personaggi ne sono letteralmente malati, da Javier, che deve vendicarsi delle umiliazioni e della morte del padre, all’allegro, che ce l’ha connaturata eppure a far divertire i bambini è il più bravo, a Natalia, che sta con l’allegro nonostante lui la riempia di botte, ma si vede che a lei piace. In una situazione del genere nessuno può vincere, e i clown diventano delle specie di supereroi malvagi pronti a tutto per ottenere la loro vendetta.
Adesso mi piacciono pure i film spagnoli *_*
Ah un’ultima cosa. Non so quanto sul serio, ma l’attrice si chiama Carolina Bang XD

Lascia un commento

jfb_p_buttontext