Recensione su Arancia meccanica

/ 19718.41273 voti

il grande Alex / 22 novembre 2011 in Arancia meccanica

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Alex ( il grande ) giovanotto di belle speranze si trastulla ascoltando il Ludovico Van dedicandosi a furti, pestaggi,stupri e omicidi bevendo di tanto in tanto latte più,è un drugo anzi il capo dei drughi,finirà in prigione tradito dai sui adepti,verrà convertito alla non violenza,ripudiato dai suoi genitori tenterà il suicidio ma alla fine guarirà ( eccome!!! ) così da poter tornare a esercitare i suoi hobby preferiti,film scandalo x eccellenza,accusato di fomentare la violenza tra gli spettatori è invece un capolavoro imprenscindibile,la prima parte è la più originale con momenti memorabili( l’inizio,la rissa con la banda rivale,lo stupro,il sesso a tre e l’omicidio della signora dei gatti ),Kubrick amalgama sapientemente immagini e musica e arriva a toccare vette sublimi con la sequenza della riaffermazione di leader da parte di Alex,nellla seconda parte forse per sottolinerare il cambiamento del giovane teppista viene meno la musica,si tira le fila del percorso di vita del protagonista che purga tutte le azioni violente da lui fatte,così si arriva ad un’epilogo di raffinata e sardonica ironia,dove il nostro “eroe” capisce finalmente che la sua indole può avere uno scopo altamente istituzionale così da renderlo definitivamente felice.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext