Apollo 10 e mezzo

/ 20227.215 voti
Apollo 10 e mezzo

Houston, Texas, estate 1969. La missione spaziale NASA Apollo 11 sta portando i primi uomini sulla Luna. La fantasia di ragazzini e adulti si scatena, immaginando il viaggio nello spazio e l'allunaggio.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Apollo 10½: A Space Age Childhood
Attori principali: maschioMilo CoyJack BlackJack BlackZachary LeviZachary LeviGlen PowellGlen PowellJosh WigginsJosh WigginsLee Eddy, Bill Wise, Natalie L'Amoreaux, Jessica Brynn Cohen, Sam Chipman, Danielle Guilbot, Larry Jack Dotson, Mona Lee Fultz, Jennifer Griffin, Holt Boggs, Reese Armstrong, Samuel Davis, Nick Stevenson, Brian Villalobos, David DeLao, Avery Joy Davis, Christian Moran, Nicholas Andrew Rice, Keslee Blalock, John Kaler, Gedeon Bring, Brent A. Riggs, P. Michael Hayes II, Michael Garza, Joey Garza, Wyatt Lindner, Andrew N Sears, Flint Nattinger, Brady Samman, Dustin Johnson, Natalie Joy, Suzanne Deal Booth, Chris Olson, William Carroll, Walter Cronkite, John F. Kennedy, Richard Nixon, Neil Armstrong, Buzz Aldrin, Janis Joplin, Mostra tutti

Regia: Richard LinklaterRichard Linklater
Sceneggiatura/Autore: Richard Linklater
Fotografia: Shane F. Kelly
Costumi: Kari Perkins, Angelique Paull
Produttore: Richard Linklater, John Sloss, Tommy Pallotta, Bruno Felix, Femke Wolting, Melissa Cobb, Mike Blizzard
Produzione: Olanda, Usa
Genere: Commedia, Azione, Animazione
Durata: 98 minuti

Dove vedere in streaming Apollo 10 e mezzo

L’Amarcord di Richard Linklater / 12 Aprile 2022 in Apollo 10 e mezzo

16 anni dopo A Scanner Darkly, Linklater torna al lungometraggio di animazione (affidandosi ancora alla tecnica del rotoscopio), per raccontare una nuova storia di formazione che attinge alla sua biografia e a tanti ricordi condivisi con la sua generazione di coetanei statunitensi.
Linklater è stato ragazzino e adolescente tra la fine degli anni Sessanta e Settanta e, in questo film, racconta l’estate del 1969, sciorinando un lungo elenco di giochi, show televisivi, passatempi, alimenti, canzoni e avvenimenti storici (con lo sbarco sulla Luna, su tutti) che hanno connotato il periodo.

Il film è decisamente geolocalizzato, cioè è chiaramente una raccolta di memorabilia statunitensi, il che potrebbe essere un deficit del film, ma, in fondo, non è così. Grazie alla nascita della cosiddetta cultura di massa e alla globalizzazione, infatti, tutto ciò di cui parla Linklater risulta estremamente familiare anche alle nostre latitudini. Fa sorridere il fatto che (tutto il mondo è paese) ricorra spesso la constatazione: “da bambini, siamo sopravvissuti a certe cose che oggi…”.

Perciò, Apollo 10 e mezzo si lascia guardare serenamente, il film scorre che è un piacere e, mentre si fa apprezzare anche per le scelte tecniche e artistiche (vedi, la colonna sonora), rinfocola inevitabilmente una certa nostalgia per le interminabili estati dell’infanzia (un po’ come è riuscito a fare recentemente anche Luca della Disney e Pixar).

Leggi tutto

Nostalgia canaglia / 2 Aprile 2022 in Apollo 10 e mezzo

Richard Linklater è uno dei più grandi cantori della nostalgia al cinema.
La nostalgia è lo stato d’animo preferito dal cinema degli ultimi anni, quindi dovrebbe essere venuta a noia, ma lui la manipola ancora come pochi altri, tanto da renderla sempre interessante e in grado di dirci cose nuove.
Questo perché riesce ad associare la nostalgia a una capacità che è tutta sua e di pochi altri: la capacità di raccontare, rendendole interessanti, storie piccolissime, di vita vissuta, senza trame che abbiano grossi scossoni.
In Apollo 10 e Mezzo, poi, oltre a questa sua capacità già nota, c’è dell’altro. Quando il padre del protagonista, parlando di quest’ultimo con sua moglie, le chiede se, secondo lei, questi sia riuscito a vedere l’allunaggio o se in quel momento stesse già dormendo – preoccupandosi che in futuro non avrebbe potuto raccontare quella storia ai suoi nipotini – capiamo che, più che gli eventi, stiamo guardando come quegli eventi diventeranno ricordi. Più precisamente, stiamo guardando come quegli eventi, nel diventare dei ricordi, saranno influenzati dalla immaginazione, fino a fondersi con essa creando qualcosa di più profondo che, appunto, farà da base alla nostalgia.
E, ancora più importante, tutto questo processo, per Linklater, è nutrito soprattutto dal cinema e dalla tv, cioè dalle immagini di finzione di cui ci nutriamo che, in futuro, saranno la cornice dei nostri ricordi, rendendoci impossibile distinguere i confini tra realtà e finzione.
Per questo, Apollo 10 e Mezzo mi sembra, prima di tutto, una grande lettera d’amore al cinema e alla serialità televisiva, soprattutto fantascientifica, di cui lo stesso Linklater si sarà nutrito voracemente da bambino.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.