In nome dell’amore. / 19 Marzo 2022 in La sirenetta

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

La sirenetta di Hans Christian Andersen, oltre a essere per me una delle fiabe piu’ belle che siano state scritte insieme a “la piccola fiammiferaia”, e’ anche molto amata in Giappone e nel lontano 1975 la Toei decise di realizzarne un film d’animazione per me di gran lunga superiore alla successiva caciarona produzione americana(ammetto di non essere mai stata un amante dell’animazione a stelle e strisce che per me nulla ha a che vedere con quella nipponica), un film delicato, dolce e struggente sull’amore e sul sacrificio in suo nome.
I disegni di Shingo Araki❤ sono come sempre meravigliosi, non solo i personaggi ma anche l’ambientazione marina.
Stupenda la figura della principessa sirena che per la felicita’ del suo amato sacrifica se stessa(onore agli aurori per non aver cambiato di sana pianta il finale).
Mi ha fatto piacere riscoprirlo.

p.s la triste colonna sonora e’ la stessa di uno degli episodi piu’ struggenti de “il grande Mazinga”: coraggio oltre la morte.

Leggi tutto