Recensione su Amour

/ 20127.6242 voti

La falce e l’amore / 17 marzo 2013 in Amour

Sapevo che sarebbe successo, prima o poi. Non sono mica stupido. Pensavo, speravo, però, che succedesse a me. Lei era tutta la mia vita, non potevo fare nulla, però. Potevo solo aspettare, senza speranza, senza illusioni.
Nessuna mano ormai si poserà più sulle mie spalle, nessuna parola di confortò allevierà le mie angosce, nessuna carezza sfiorerà il mio viso.
Non riuscirò ad ingannare più la solitudine, mi pesa sulle spalle ormai, sulle palpebre, mi annienta. Bisognerebbe essere forti. Ma senza di lei ho perduto ogni energia. Ho male al petto. Ho male alla vita. Avevo ancora tante storie da raccontarle. Non poteva capitare a me?
Un film angosciante, realistico, senza alcun artificio narrativo. L’incalzare inesorabile della malattia, la sicurezza che niente sarà più come prima, che si è entrati in un tunnel oscuro senza speranza di poterne uscire, tutto questo è un vero pugno sullo stomaco. Mai, in nessun film, l’angoscia della morte impietosa e inevitabile è stata rappresentata in maniera così realistica. Almeno credo.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext