Recensione su Amabili resti

/ 20097.0594 voti

2 Luglio 2013

Perché continuate a vedere i film tratti dai libri che vi piacciono sapendo benissimo che vi faranno cagare e non perché sono brutti ma perché voi vi aspettare qualcos’altro e siete così egocentrici da non accettare le normali, volute e necessarie variazioni che il racconto subirà per essere adattato al cinema; considerando che sarà passato per le mani di centinaia di persone che hanno voluto a buon ragione dare tutte la loro interpretazione e visione? Dov’è la creatività e la libertà artistica di queste persone?
E che cavolo, ogni volta la stessa storia, siete di un’odiosità micidiale. Sono lieta se vi ho irritati tanto quanto voi irritate me.

3 commenti

  1. eireen / 2 Luglio 2013

    Ho letto prima il libro e poi ho visto il film e nessuno dei due mi ha delusa, anzi il film mi è piaciuto tanto quanto il libro. 🙂 Il regista è riuscito a mescolare la tragedia con la dolcezza regalando emozioni belle e contrastanti. Commovente..

  2. Lily_Chan / 20 Gennaio 2015

    Sebbene anch’io sia tra quelli che tendono ad apprezzare più il libro che il film, sono d’accordo con il tuo discorso: è impossibile produrre un film che sia la copia esatta del libro da cui è stato tratto. A me snerva se il regista si prende libertà troppo “significative”, per così dire, ad esempio se cambia completamente il finale (vedi Cujo o The Mist, tratti dai romanzi omonimi di Stephen King); nel caso di Peter Jackson invece ho apprezzato molto sia Il signore degli anelli che Lo hobbit, nonostante siano molto diversi dai rispettivi libri, e anche questo mi è piaciuto (anche se non ho avuto modo di leggere il libro).

  3. azz1970 / 3 Maggio 2017

    Beh, a me non è piaciuto più di tanto neanche il libro, quindi sono a posto così.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext