Recensione su Aladdin

/ 20197.0126 voti

Ma scherzate? / 11 Settembre 2019 in Aladdin

Recitazione buttata a casaccio, i protagonisti dicono le battute solo perché le trovano scritte sul copione, sembrano capitati sul set per caso e non sono minimamente calati nella parte. Massoud ha un’espressione facciale e mezza. L’interpretazione di tutti è troppo esagerata, sopra le righe, macchiettistica, anche più del solito stile bizzarro dei film Disney. Le espressioni sono esagerate perfino sui volti delle comparse, che sembrano voler compiacere un pubblico di due o tre anni di età.

Il tesoro viene sommerso dalla lava appena un ladro tocca un gioiello: dunque non verrà mai preso; è inverosimile che nessuno prima di Aladdin abbia mai toccato qualcosa lì dentro.

Il doppiaggio italiano è orribile, il labiale non corrisponde (non perché fuori sync) e i testi delle canzoni azzeccano una rima su otto rendendole completamente non orecchiabili. E poi il genio e Jasmine che si mettono a fare beatbox, Jafar che ha trentasei anni appena, un viso che meno malvagio non si può e un bastone di plastichetta chiaramente rimediato su AliExpress (sede di Agrabah, la stessa che ha prodotto il palazzo del sultano). A proposito, ad Agrabah è spuntato il mare. E vengono nominati dei minareti, segno che la popolazione di Agrabah osserva la religione islamica e che quindi la città si trova nel nostro mondo anziché in quello alternativo delle fiabe. Tesi confermata dalle leggi della città scritte in caratteri arabi. Tanto valeva ambientare la storia a Kabul.
Robaccia di infimo livello scritta e doppiata da lavoratori improvvisati.

2 commenti

  1. Mr.Walty / 12 Settembre 2019

    Ci sei andato pesante!!😂😂😂

    • Marco F. / 12 Settembre 2019

      Fortuna che non l’ho visto al cinema, altrimenti avrei interrotto la visione dopo dieci minuti e chiesto il rimborso del biglietto. Mi ha fatto venire un nervosismo allucinante.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext