Recensione su Il ladro di orchidee

/ 20027.0171 voti

Il deus ex machina è sintomo di una cattiva sceneggiatura / 12 Aprile 2014 in Il ladro di orchidee

Non si può dire che a Jonze e Kaufman manchi l’inventiva. Dopo la curiosa analisi sul tema dell’identità in Essere John Malkovich, l’accoppiata sforna un lavoro particolarmente originale sul percorso di creazione della sceneggiatura, sfruttando anche il rimando ad eventi reali. Kaufman, infatti, ebbe enorme difficoltà ad elaborare l’adattamento sul grande schermo per “Il Ladro Di Orchidee”, tratto dall’omonimo saggio di Susan Orlean.
Così, il film si trasforma da semplice racconto tratto da un libro ad una biografia di Kaufman con svariati cambi di registro (commedia e drammatico). Splendida oltretutto l’ironia di Jonze, che si diverte a sbeffeggiare le svariate tecniche cinematografiche che egli stesso utilizza nella sua pellicola.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext