Recensione su A Royal Weekend

/ 20125.376 voti

19 Luglio 2013

Un buco nell’acqua. Peccato perchè riponevo un pò di speranza (dopotutto, questo genere di film di norma non mi dispiace affatto). Per farla breve, è guardando questo film che ci si rende davvero conto di quanto sia ben fatto Il discorso del re. Potenzialmente simili, hanno nel protagonista la chiave di volta: sublime Colin Firth nel film di Hooper (vien da pensare a lui in ogni scena de a royal weekend), bravo Bill Murray in questo caso, ma decisamente non alla sua performace migliore.
Il problema è che il peso del film è tutto sulle spalle: una sceneggiatura lacunosa e un ritmo narrativo lento (i vuoti nella storia si riflettono in quelli della regia) rendono il film eccessivamente pesante e, alla fine, non resta che chiedersi “tutto qui?”
Laura Linney è una presenza inutile, la storia tra Roosvelt e Daiasy è risolta senza approfondimento e anche l’incontro tra Re Giorgio e il presidente americano non comunica nulla.
Peccato davvero.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext