Recensione su Un posto al sole

/ 19517.326 voti

21 Agosto 2015

Un bel film di quella stagione cinematografica meravigliosa e irripetibilevisse il cinema americano delgi anni ’50.
Il tema sociale trattato (mi riferisco anche alla rappresentazione della condizione della donna, incinta senza essere sposata) spero non sia più di attualità ma che all’epoca deve aver fatto riflettere.
Vedendo il film ho capito anche dove Allen abbia preso l’ispirazione per il suo film Matchpoint, anche se nel suo il colpevole è più consapevole e non viene punito, qui invece, pur non essendo completamente responsabile della morte della ragazza, il protagonista paga anche solo per il desiderio, l’intenzione e il tradimento.
Divertente vedere Raymond Burr, futuro Perry Mason, nei panni del pubblico ministero.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext