A Dangerous Method / 20116.3473 voti

A Dangerous Method

Ai primi del Novecento, Jung applica le rivoluzionarie teorie freudiane alla cura delle nevrosi di una ragazza, Sabina Spierlein. Il rapporto medico-paziente diventa sempre più intenso, fino a coinvolgere emotivamente entrambi e a condizionare la pratica psicoanalitica di Jung.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: A Dangerous Method
Attori principali: Keira Knightley, Viggo Mortensen, Michael Fassbender, Sarah Gadon, Vincent Cassel, André Hennicke, Arndt Schwering-Sohnrey, Mignon Remé, Mareike Carrière, Franziska Arndt, Wladimir Matuchin, André Dietz, Anna Thalbach, Sarah Marecek, Björn Geske, Markus Haase, Christian Serritiello, Clemens Giebel, Theo Meller, Jost Grix, Severin von Hoensbroech, Torsten Knippertz, Dirk S. Greis, Katharina Palm, Nina Azizi, Julie Chevallier, Cynthia Cosima, Mirko Guckeisen, Julia Mack, Andrea Magro, Aaron Keller, Nadine Salomon, Naike Jaszczyk, Sarah Adams,
Regia: David Cronenberg,
Sceneggiatura/Autore: Christopher Hampton,
Colonna sonora: Howard Shore,
Fotografia: Peter Suschitzky,
Produttore: Jeremy Thomas, Stephan Mallmann, Karl Spoerri, Thomas Sterchi, Peter Watson, Matthias Zimmermann,
Produzione: Usa
Genere: Drammatico, Biografico
Durata: 99 minuti

Buone isteriche e controtransfert, ma non decolla.. / 10 luglio 2016 in A Dangerous Method

Sará che, studiando psicologia da ormai 6 anni, tutto quello che gira attorno alla psicoanalisi mi ha un po' stufato. Stufato nel senso che, ho letto centinaia di cose a riguardo e almeno nel tempo libero, vorrei evitare di incasinarmi in teorie - ormai superate - e paroloni. Questo film, però, era nella wishlist delle cose da vedere da tempo, e guarda... continua a leggere »

Non è il mio genere / 8 gennaio 2016 in A Dangerous Method

ma nonostante questo è un film che mi ha tenuto sveglio e mai annoiato. Ottimi gli interpreti, la sceneggiatura e la fotografia degni del suo regista. Un argomento ostico come la psicoanalisi raccontato attraverso il rapporto fra due grandi come Freud e Joung e la storia di ques'ultimo con una sua paziente. Non facile da seguire nei dialoghi fra i due... continua a leggere »

13 aprile 2014 in A Dangerous Method

Se non fosse per la bravura dei tre attori principali, perfetti nei loro ruoli, sarebbe un film noioso e difficile da reggere.

10 marzo 2013 in A Dangerous Method

Film frettoloso, superficiale e storicamente impreciso.

14 febbraio 2013 in A Dangerous Method

È un film giusto. La storia che l'ha ispirato è senz'altro intrigante ed affascinante. Esce dagli schemi dei soliti film romantici, sfida la ragione del tempo. Un uomo e una donna, diversi come l'acqua e il fuoco, ma necessari l'uno all'altra per domarsi. Un terzo volto, quello di Freud, che "troneggia sui suoi conoscenti, che riduce in bambini ed... continua a leggere »

Vabbè / 27 gennaio 2013 in A Dangerous Method

Che strani capezzoli ha la Knightley, non ho fatto altro che pensarci per tutta la durata del film. Comunque, questo non è il Cronenberg che apprezzo, anzi, più lo rivedo e più non mi sembra un film suo, se non fosse per le inquadrature strategiche e la fotografia ottima. La sceneggiatura è scarsa, ma il film si lascia guardare. Ci sono Mortensen... continua a leggere »

27 gennaio 2013 in A Dangerous Method

L'ho assolutamente amato. Forse non sono obiettiva, da studentessa di Psicologia, e forse per chi è fuori dall'argomento può essere risultato pesante e difficile, ma io ho sguazzato felice in ogni dialogo serrato a proposito di psicoanalisi. La sceneggiatura è davvero il punto forte, perchè a mio parere, ha messo insieme teoria della psicoanalisi,... continua a leggere »

9 gennaio 2013 in A Dangerous Method

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Sarà che ho amato "Prendimi l'anima", forse più centrato sulla storia di Sabrina Spielrein e Jung, ma questo film l'ho seguito proprio male....... La Keira ogni volta che fa la "pazza" sembra più avere un attacco epilettico, i dialoghi fra Freud e Jung ho fatto fatica a seguirli (e si che l'ho studiata quella roba!!) Poco prima dei titoli di coda......... continua a leggere »

19 dicembre 2012 in A Dangerous Method

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Questo è il film nuovo di Cronenberg, regista matto che ha girato decine di capolavori, e forse gli sarebbe bastato girare il solo Eraserhead mille anni fa per decidere che è un genio. Ciò detto, nonostante la versione fosse di nuovo originale perché quando posso vederli al cinema in lingua cerco di non perderli, il film mi ha ampiamente deluso:( C'è... continua a leggere »

29 ottobre 2012 in A Dangerous Method

Fotografia impeccabile, recitazione anche, ambientazione storica e definizione dei personaggi assolutamente all'altezza. Le nevrosi dei personaggi, i loro rapporti che sono inevitabilmente malati (ho una pessima opinione della psicanalisi), la struttura di una società che, con la costante repressione personale e sessuale genera le nevrosi che poi... continua a leggere »

Ottimo film, con una sola sbavatura / 13 luglio 2012 in A Dangerous Method

Un film impeccabile che ha incontrato più detrattori che estimatori nel suo percorso. Io faccio parte dei secondi: trovo che sia un'opera completa, molto credibile, storicamente attendibile, ben strutturata ed accurata. Fassbender e Mortensen eccellenti, insopportabile Keira Knightley, eccessiva e leziosa nel tratteggiare il suo personaggio. È proprio... continua a leggere »

31 maggio 2012 in A Dangerous Method

Non l'ho trovato pesante, nè troppo parlato, diciamo che le pecche maggiori le ho notate in altri ambiti: in primis l'ho trovato un film sostanzialmente freddo, distaccato, l'occhio di Cronenberg è quasi impersonale, e questo aspetto mi ha convinta poco. Mi aspettavo più visceralità, invece i ritmi compassati, seppur mai noiosi, hanno frenato il mio... continua a leggere »

5 aprile 2012 in A Dangerous Method

Quando guardi il timer e non aspetti altro di vedere i titoli di coda credo sia decisamente un fallimento. Non ti viene neanche la voglia di capire e interessarti dell'argomento. Fatto molto male e noioso. Freud e Jung... Credo ci sia altro...

19 marzo 2012 in A Dangerous Method

Ma che noia.......speravo si riprendesse....ma niente. Una noia micidiale. Se volete vedere un bel film sulla storia d'amore tra Jung e Sabina Spierlein consiglio caldamente Prendimi l'anima. Questo film è solo una mezza scopiazzatura mal riuscita. Evitatelo e vedere l'altro che merita.

Freud e Jung cosa ne penserebbero? / 5 marzo 2012 in A Dangerous Method

Loro cosa ne penserebbero del film? Grazie a Dio non ce lo possono dire. Altrimenti credo sarebbe tutto da censurare. Belli i costumi, la scenografia, impeccabile Fassbender nel ruolo di Jung, Mortensen è uno spettacolo: perfetto, bravissimo, eccezzionale, incarna Freud come pochi altri hanno saputo fare. Lodi anche a Vincent Cassel che ha interpretato... continua a leggere »

25 gennaio 2012 in A Dangerous Method

PRO: 1. Una sceneggiatura ben scritta, avvincente, ricca di scambi interessanti e citazioni incisive. Lo scenggiatore de "Le Relazioni Pericolose" si conferma abile nel manipolare questo tipo di testi, fornendo anche una buona ricostruzione storica. 2. Molto buona anche la scenografia e la ricostruzione di scena. 3. Grandioso Mortensen che non sembra,... continua a leggere »

7 novembre 2011 in A Dangerous Method

Cronenberg stavolta alle prese con la mente, anziché col corpo, dei suoi personaggi. Ritratto d’epoca splendido: costumi, scenografia, taglio dei personaggi. Trio di attori che funziona: la Knightley, con qualche eccesso nella parte iniziale, dà un’ottima prova nella seconda; Fassbender “misurato”; Mortensen forse annoiato, forse un po’... continua a leggere »

7 novembre 2011 in A Dangerous Method

Cronemberg abbandona la violenza ed il sangue che scorreva copiosamente nei suoi ultimi film per ritornare , come già fece ottimamente con Spider, all’indagine psicologica proponendoci con la consueta cura la storia di Sabina Spielrein che affetta da gravi problemi psichici viene curata con successo da Carl Gustav Jung diventandone infine l’amante per... continua a leggere »

A dangerous topic… Da evitare se non lo si sa trattare con un minimo di originalità / 4 novembre 2011 in A Dangerous Method

Un film eccessivamente romanzato, che, contrariamente alla tematica che tratta, non riesce ad andare in profondità come vorrebbe. Una Keira Knightley stranamente insopportabile, esagerata e poco credibile, che si trova a rivestire il noioso ruolo della ninfomane isterica da esibizione francese ottocentesca. Decisamente stereotipata anche la... continua a leggere »

11 ottobre 2011 in A Dangerous Method

Diciamo che è la domanda principale, perchè la Knightley?: fuori parte, eccessiva, anche quando non è schizoide è disturbante. Non saprei dire quanto in questa interpretazione sia dato dal tracimare tipico di chi interpreta il folle oppure da una scelta puntigliosa di un caso specifico (dove si sono documentati per quelle movenze, costrizioni,... continua a leggere »

6 ottobre 2011 in A Dangerous Method

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Ho riflettuto a lungo sul voto da dare a questo film: infatti, ero in pericoloso bilico tra le sei e le sette stelline. Motivi a favore del sette: - ricostruzione d'epoca: ottime scenografie (ho un debole per tutto ciò che gravita intorno al secessionismo viennese) e bei costumi; - Vincent Cassel nei panni di Otto Gross: l'attore francese ha un'aria... continua a leggere »

inserisci nuova citazione
Foto del profilo di Chiara Giu

Jung: "Quindi lei non crede nella monogamia?" Gross:"Per un nevrotico del mio livello immaginare un concetto più logorante è impossibile" Jung:"E non trova che in fondo sia necessario o desiderabile porsi qualche limite come contributo personale al tranquillo svolgersi della civiltà?" Gross:"A che pro? Per ammalarmi di sicuro? Non c'è da stupirsi che gli ospedali trabocchino."

Otto Gross (Vincent Cassel)
Foto del profilo di laschizzacervelli

Jung: "Il piacere non è mai semplice, come lei pensa". Gross: "Lo è: è semplicissimo. Finché non decidiamo di complicarlo. E' quello che mio padre chiama maturità, e io chiamo arrendersi".

Carl Jung (Michael Fassbender) e Otto Gross (Vincent Cassel)
Foto del profilo di taketheatrain

"A volte devi fare qualcosa di imperdonabile per poter continuare a vivere."

Carl Jung (Michael Fassbender)

CONDIVIDI SU FACEBOOK I TUOI VOTI E LE TUE RECENSIONI DI NIENTEPOPCORN.IT

Puoi condividere sul tuo profilo di Facebook voti e le recensioni che scrivi su nientepopcorn.it.
E' necessario fornire il consenso alla pubblicazione in tuo nome all'applicazione di Facebook "NientePopcorn.it";

dopodichè ogni volta che voti, aggiungi un film al tuo profilo o scrivi una recensione ricorda di cliccare prima "PUBBLICA SU FACEBOOK" (che diventerà di colore blu).

Di seguito riportiamo alcuni esempi di pubblicazione:

screenshot

fbscreenshot02