Recensione su A Classic Horror Story

/ 20216.356 voti

Un’altra ottima prova per De Feo. / 8 Settembre 2021 in A Classic Horror Story

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Dopo l’ottimo “il nido” De Feo porta in scena un altro ottimo film con un finale particolare e spiazzante, un film che rimanda ad altre pellicole (“non aprite quella porta”, “il prescelto”, “wrong turn”) e affascina con la sua fotografia di altissimo livello, una colonna sonora molto azzeccata e una eccellente regia.
Forse il nostro cinema ha trovato un regista di notevole talento.

P.s. qualcuno mi saprebbe spiegare il finale? Perché la ragazza si suicida?

3 commenti

  1. Stefania / 9 Settembre 2021

    Io ho interpretato il finale così:

    SPOILER
    SPOILER
    SPOILER
    SPOILER
    SPOILER
    SPOILER
    SPOILER
    SPOILER
    SPOILER

    posto che non sopravviva (questo, in fondo non lo sappiamo), credo che la regazza abbia pensato: “Questo mondo è davvero troppo brutto. Col cavolo che ti ci faccio nascere, figlio mio”.

  2. Amestista / 9 Settembre 2021

    SPOILER
    Beh, è un pochino egoistico come pensiero ma dato tutto quello che ha passato è più che comprensibile.
    Io ci ho visto anche una critica alla spettacolarizzazione, problema purtroppo molto diffuso al giorno d’oggi(di quante tragedie abbiamo letto nelle quali invece di cercare aiuto le persone si fermavano a filmare con il telefonino e poi postavano i video su Youtube in cerca di like?)

    • Stefania / 9 Settembre 2021

      Infatti.
      SPOILER
      SPOILER
      SPOILER
      SPOILER
      SPOILER
      SPOILER
      SPOILER
      SPOILER
      Le accade di tutto per colpa di un gruppetto di persone bramose di soldi/potere, poi, arriva alla spiaggia e nessuno le allunga una mano, le chiede cosa le sia successo, le persone al mare preferiscono filmarla (qundi, filtrarla) attraverso la lente dello smartphone, sono così zombizzate da non essere capaci non solo di provare empatia, ma perfino di incuriosirsi: e fatela una domanda! “Cosa è successo? Perché sei ridotta così? Stanno girando un film?” (ah ah ah) Secondo me, l’arrivo in spiaggia è il momento in cui la ragazza prende la decisione definitiva. Se aveva qualche dubbio sul mettere al mondo un bambino, la situazione generale le fa passare completamente ogni desiderio di far nascere una creatura in un mondo così.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext