Recensione su 90 Minutter

/ 20126.56 voti

Follia nascosta / 19 marzo 2013 in 90 Minutter

Si chiude la porta di casa e si vive un’altra vita, un’altra realtà che fuori invece non viene conosciuta e neanche immaginata.
Questo è il concetto fondamentale di queste tre storie completamente slegate tra di loro ma che in comune hanno un disagio e un vuoto incolmabile.
Incredibilmente reali. Le conclusioni sono simili poiché non si riesce a sostenere la pesantezza della propria vita. La distruzione è l’unica via possibile.
Una storia è anche motivata dalla presenza di cocaina ma purtroppo tale violenza a volte viene fatta anche senza.
In questo film viene descritta la violenza fisica totalmente gratuita e ingiustificata tanto che non si capisce il perché di nessuna storia. Ma c’è anche la violenza psicologica, anch’essa pericolosa e gravissima, spesso anche più devastante.
Comunque la rabbia di chi alla fine si ribella quando è troppo tardi. La difficoltà di voler aprire gli occhi e vedere la realtà è un problema sempre troppo attuale.
Bel film.
Ad maiora!

Lascia un commento

jfb_p_buttontext