Recensione su (500) giorni insieme

/ 20097.1784 voti

24 Dicembre 2012

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Grande il titolo italiano che si perde il gioco di parole, ok, non era niente di che, dell’originale.
Summer è la lei di cui si innamora il lui, perché forse avete capito che è un film con lui e lei. Insomma che lavorano nella stessa agenzia di pubblicità, si conoscono, si limonano ecc ma non si metton insieme, perché lei sicura non è mai. Mentre lui è marcio come un caco (marcio, senza una zampa e che prova ad attraversar la strada). Si lasciano, lui precipita e poi si rialza, e alla fine corona il sogno di diventare architetto e si capisce che si scoperà UNA architetto ancora più figa di Summer. Che già era proprio carina, con questi occhioni azzurroni *_* per cui che codesto simpatico soldo di cacio passi di strafiga in strafiga un po’ da fastidio. Il film è a) da donne → scena romantica ALL’IKEA, ma si può? Solo le donne possono apprezzarla -.-’ e b) abbastanza originale nella banalità del tema trattato. Sia perché è un continuo andirivieni nel computo dei giorni della loro storia, in cui dopo un po’ ci si orienta ma non conta nemmeno troppo, sia perché rovescia lo stereotipo della donna romanticona e spaccaballe, qui è lui a essere insopportabilmente zerbineggiante e occhidolcioso, con lei che gli fa Sìsì, scopiamo ma stattene tranzollo. E poi ha un sacco di cose gggiuste e simpa, la musica (il regista, tale Webb, è all’esordio e viene dai videoclip), i colori, il pezzo simil-musical, le considerazioni finto-profonde (oh, van benissimo eh, tanto che vuoi dire?) sull’amore, i personaggi bizzarri e simpatici di contorno, lo scorrere delle stagioni (la gnocca architetto si chiama Autunno, ma tu pensa), persino alcune delle immagini che trascolorano in cartoni animati. Il lieto fine.
Si parteggia per lui e si da della troia a lei, ma così, amichevolmente, perché lei non fa mica nulla di male.
Si è capito che mi è piaciuto abbastanza sì? Lo spero; ogni tanto mi sembra di parlare solo male delle cose.
Va infine menzionato come, se lo desiderate, potete acquistare una rappresentazione della rana prima dell’incidente con l’olio, immagino a quel sito scritto in basso nell’immagine. Ai bei tempi in cui le sue zampe potevano andare a coppie.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext