Recensione su 50 volte il primo bacio

/ 20046.5564 voti

Nulla è come il primo bacio / 11 Marzo 2020 in 50 volte il primo bacio

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

50 volte il primo bacio (50 first dates in originale) è una commedia romantica di Peter Segal, celebre per film comico-demenziali quale il terzo capitolo della serie una Pallottola spuntata, Il professore matto è altri due bei film con Adam Sandler: Terapia d’urto e L’altra sporca ultima meta.
Adam Sandler interpreta la parte di Henry Roth, un insospettabile playboy (visto che non ha proprio il sex appeal del ruolo) mentre Drew Berrymore è Lucy, una ragazza che a seguito di un incidente in macchina col padre subirà un danno cerebrale al lobo temporale che le cancellerà la memoria a breve termine ogni qualvolta si addormenta. Henry che non è mai stato alla ricerca di una storia seria, si innamorerà perdutamente della ragazza accettando la sua condizione e facendo in modo che si innamori di lui ogni giorno, quando Lucy si sveglierà senza sapere chi lui sia.

Devo ammettere che 50 volte il primo bacio è uno dei film che più amo, sin da quando ero bambino. Una film che combina una comicità spensierata e riuscita e allo stesso tempo una storia d’amore romantica belle come poche. Inoltre tratta con una certa dignità un tema delicato come quello della perdita della memoria, che sia per danni neurologici dovuti a incidenti o per cause naturali.
Se amo così tanto questo film perché non gli ho dato 10 ma 8? Meriterebbe il 10, sarò onesto, ma in alcuni punti la comicità diventa fuori luogo, a tratti demenziale e volgare; probabilmente lo scopo è di smorzare forse un’atmosfera che andava facendosi troppo malinconica o troppo sdolcinata, ma talvolta stona un po’ troppo facendo storcere il naso allo spettatore, chiedendosi “Ma perché!?”.
A parte questo il film è uno dei migliori di Adam Sandler, ed una delle migliori commedie romantiche mai fatte. Per me è sempre un piacere vederlo, strappandomi sempre una lacrima in diversi punti del film, ma soprattutto nel finale con la bellissima “Over the Rainbow” in sottofondo.
Mi piace moltissimo la coppia Adam Sandler e Drew Berrymore, già assieme prima nel film Prima o poi me lo sposo e successivamente in Insieme per forza.

Voto: 8 (escludendo la comicità demenziale e volgare sarebbe da 9/10)

Lascia un commento

jfb_p_buttontext