20 febbraio 2015 in 28 settimane dopo

Si tratta del seguito di "28 giorni dopo" di Danny Boyle (che non ho visto). La suspense non manca, ma a una seconda visione il film mostra i suoi limiti: non ci sono personaggi o situazioni memorabili; la vicenda è lineare, senza colpi di scena o intrecci secondari. Uniche note di merito la rappresentazione di un'apocalisse zombie per una volta... continua a leggere »