La classifica dei migliori film Orientali

L’Asia è il continente misterioso per antonomasia ed il cinema che arriva dall’Oriente è altrettanto ricco di fascino ed originalità, sia esso indiano, coreano, giapponese, cinese o di Hong Kong. Il linguaggio, i temi, l’estetica del racconto, la visione della vita e della morte differiscono completamente da quelli usati e conosciuti in Occidente e non mancano di influenzare i migliori cineasti dell’altra metà del globo: la visione di un film “orientale” è pressoché puntualmente un’esperienza da ricordare, nel bene e nel male, sia che si tratti di un film interpretato da attori in carne ed ossa, sia che si abbia l’occasione di vedere un prodotto di animazione. Nientepopcorn.it vi offre la classifica dei cento migliori film orientali votati dai suoi utenti!

Per entrare in questa classifica sono necessari almeno 25 voti.

9 commenti

  1. Notta / 16 gennaio 2013

    Oh, una classifica del genere serviva proprio, non so mai dove iniziare col cinema asiatico 😀

  2. yorick / 16 gennaio 2013

    Cribbio, però almeno un Miike ci stava :/

    • Andrea / 16 gennaio 2013

      ho dato un’occhiata, pochi dei film di Miike avevano il genere “Orientale” assegnato. Ora qualcuno dovrebbe essere entrato in classifica.

  3. jackreed87 / 7 agosto 2013

    Fare classifiche in materia d’arte che sia cinema , pittura o musica ecc. è sempre un tasto difficilissimo che porta a evidenti contraddizioni. Io sono di questa idea sarebbe meglio fare una classifica di film per nazione per decenni ecc. allora li il campo si restringe e diventa molto più semplice scegliere.
    Ma in questa classifica sui migliori film asiatici, a mio avviso, mancano delle perle della cinematografia mondiale ahimè poco trasmesse in rassegne, in cinema e tv italiana. Parlo di film ad esempio di Kenji Mizoguchi: “I racconti della luna pallida d’agosto” , “Amanti crocifissi” ecc.
    Film di Jasujiro Ozu tipo: “Viaggio a Tokyo” , “Tarda primavera” , “Il gusto del sakè”.
    Per il cinema indiano i film di Satyajit Ray: la cosiddetta trilogia di Apu, “Il lamento sul sentiero” , “Aparajito” leone d’oro nel 1957 e “Il mondo di Apu” che chiude la trilogia.
    “Vivere” film del 1952 di Akira Kurosawa meritava di esser citato, secondo me.

  4. marcodea / 7 aprile 2014

    Manca, a mio avviso, “Ip Man” (o Yip Man)

  5. Vito / 5 luglio 2014

    Magnifica classifica, sopratutto per chi vuole avvicinarsi al cinema orientale e non sa da dove cominciare… solo che, non so se dipende dal tablet, non si vede il regista del film, a meno di non cliccare e aprire la scheda completa…e questo sinceramente credo sia una mancanza non da poco!

    • Francesco / 5 luglio 2014

      @Vito No è normale, non è il tuo tablet…anche dal pc non si vede a meno che non clicchi sul link della scheda del film

Lascia un commento

jfb_p_buttontext