Quasi famosi / 20007.2252 voti

Da urlo / 13 settembre 2012 in Quasi famosi

Un film strepitoso, un Crowe ispiratissimo ha colto pienamente lo spirito degli anni crepuscolari del rock. Uno dei miei cult-movies, diciamo subito che lo adoro, e non solo per le musiche. Quindi, poca obiettività in questa recensione.
Kate Hudson/Penny Lane è un angelo. Una interpretazione inarrivabile; lei che, insomma, non è certo Liz Taylor ha avuto qui il suo stato di grazia ed è impossibile non intenerirsi del suo personaggio.
Grandioso Seymour Hoffman (più lo guardo e più mi convinco che sia uno dei migliori attori in circolazione…) nei panni di Lester Bangs, ogni sua battuta sarebbe da incorniciare.
E ora, ladies & gentlemen, la più grande:
(((rullo di tamburi)))
Frances McDormand!
Una madre che non è la classica “casalinga in grembiule”. Una madre dannatamente vera, paranoica ma in fondo dolce, aggressiva quando ce n’è bisogno, che con i figli ne sbaglia una dietro l’altra, una donna di cultura (insegnante) ma con un forte tabù sul mondo rock e le sue degenerazioni che la spingono ad essere ridicola. Fantastica, che attrice!

Piccolo spoiler su una delle scene più belle ed intense del Cinema:

Penny Lane (Kate Hudson) sta vomitando sotto gli occhi innamorati del ragazzino William (Patrick Fugit: fugit appunto, perchè dopo sto film mi risulta che sia praticamente sparito…) sulle note di My cherie amour di Stevie Wonder. Come trasfondere poesia in un momento che di poetico non avrebbe nulla.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext