30 gennaio 2015 in L'Image Manquante

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Il regista, sulla 50ina ma con una voce narrante off da 30ina, racconta la sua infanzia cambogiana. Proprio nel momento giusto, quando i Khmer rossi prendono il potere e uccidono tutto (‘75-’79). E lo fa con questo abbastanza unbelievable documentario narrativo in cui tutto è rimesso in scena attraverso delle statuette d’argilla. Stai per un’ora e... continua a leggere »