Ferro 3 - La casa vuota / 20048.0300 voti

Ferro 3 - La casa vuota

Tae-Suk è un giovane che trascorre le sue giornate entrando nelle case lasciate vuote occasionalmente dai proprietari. Vi rimane solo a fare la guardia per qualche giorno, aggiusta oggetti che non funzionano più e lava persino la biancheria sporca. Infine, prima di andarsene, rimette tutto a posto come prima. Un giorno entra in una sfarzosa villa dove viene a contatto con una donna maltrattata dal compagno, da qui l'inizio del condividere.
PrimitiveStyle ha scritto questa trama

Titolo Originale: 빈집
Attori principali: Lee Seung-yeon, Jae Hee, Kwon Hyuk-Ho, Jeong-ho Choi, Lee Mi-suk, Ju-seok Lee, Sung-hyuk Moon, Jae-yong Jang, Rhee Dah-hae, Park Ji-ah ,
Regia: Kim Ki-duk,
Sceneggiatura/Autore: Kim Ki-duk,
Colonna sonora: Slvian,
Fotografia: Seong-back Jang,
Produttore: Kim Ki-duk, Yong-bae Choi, Michiko Suzuki, Youngjoo Suh,
Produzione: Corea del Sud, Giappone
Genere: Orientale, Drammatico, Romantico
Durata: 88 minuti

L’antimateria dell’amore. / 27 aprile 2014 in Ferro 3 - La casa vuota

(Considerazioni sparse, riflessioni a voce alta) La dimensione onirica e fantastica è l'elemento costitutivo del film ed unica sua ragion d'essere, in grado di giustificare lo sviluppo altrimenti curioso del racconto: il cavaliere errante salva la principessa dalla torre di un castello sorvegliato da un drago laido, supera prove indicibili, assurge ad... continua a leggere »

7 e mezzo ma su dai non essere stretto di voti che alla fine ti è piaciuto. / 3 ottobre 2013 in Ferro 3 - La casa vuota

L'assenza della parola nel dialogo fra amanti. In seguito a un sequestro di persona è possibile si verifichi "la Sindrome di Stoccolma". La vittima del rapimento durante lo stesso prova un sentimento positivo nei confronti del rapitore o dello sfruttatore, un sentimento che va dalla solidarietà all'amore. In Ferro 3 i ruoli vengono ribaltati; la... continua a leggere »

30 aprile 2013 in Ferro 3 - La casa vuota

Non é sicuramente il miglior film di Kim Ki-duk, almeno a mio modesto parere. Un pò troppo ermetico, a tratti pretenzioso e con un finale surreale. Questo voler dire tutto senza dire nulla é certamente una scommessa interessante, ma non mi ha convinto del tutto. Encomiabile, invece, l'originalitá di un approccio inconsueto: l'amore del resto é... continua a leggere »

L’uomo non è un animale sociale / 15 marzo 2013 in Ferro 3 - La casa vuota

Questo film è stato talmente sviscerato che ogni ulteriore disamina appare superflua. Ma devo necessariamente spendere due parole per l'emozione e il senso di pace che trasmette. In primo luogo la scelta di dar voce ad un silenzio così profondo, dal quale trapelano urla lancinanti di sofferenze passate e presenti. Dialoghi ridotti all'osso, ed anzi,... continua a leggere »

Silenziosa poesia / 24 agosto 2012 in Ferro 3 - La casa vuota

"Siamo tutti case vuote e aspettiamo qualcuno che apra la porta e ci renda liberi. Un giorno il mio desiderio si avvera. Un uomo arr iva come un fantasma e mi libera dalla mia prigionia. E io lo seguo, senza dubbi, senza riserve... finché incontro il mio nuovo destino." Ferro 3 parla di sentimenti, d'amore, in un maniera in cui noi occidentali non... continua a leggere »

30 giugno 2012 in Ferro 3 - La casa vuota

non esiste la lode,l'applauso accademico,insomma qualsiasi cosa che possa elevare al massimo questo capolavoro?

inserisci nuova citazione
Foto del profilo di

“Un giorno entro in una casa vuota. Sembra che non ci sia davvero nessuno, così mi spoglio, mi faccio un bagno, preparo da mangiare, faccio il bucato, aggiusto una bilancia e mi esercito a golf nel giardino di casa. Nella casa c'è una donna scoraggiata, spaventata e ferita che non esce mai e piange. Mostro a lei la mia solitudine. Ci capiamo senza dire una parola, scappiamo via senza dire una parola. “Mentre scegliamo in quale casa vivere, ci sentiamo sempre più liberi. Nel momento in cui sembra che la nostra sete di libertà si sia placata, restiamo intrappolati all'interno di una casa buia. L'uno resta in una casa fatta di nostalgia. L'altro impara a diventare un fantasma per nascondersi nel mondo della nostalgia”.

Foto del profilo di Strange Paradise
8
Foto del profilo di Beatrice
7
Foto del profilo di robbudda
Foto del profilo di Onde Ctonie
Foto del profilo di miri1
9
Foto del profilo di indie07
Foto del profilo di mells324B21
Foto del profilo di sadandbeautifulworld
Foto del profilo di Mr. O
9
Foto del profilo di sofybill
Foto del profilo di aysella
6
Foto del profilo di Mauro
Foto del profilo di matmar
Foto del profilo di Niketes
9
Foto del profilo di IVAN
Foto del profilo di saimon
7
Foto del profilo di Paolo Corso
9
Foto del profilo di Angela Ruberti
Foto del profilo di Mizar
10
Foto del profilo di infrustadivido
7
Foto del profilo di gia-da
Foto del profilo di IRENE815
Foto del profilo di Nikior
8
Foto del profilo di Virginia Maow
8
7
Foto del profilo di Gabriele Ragozzino
6
Foto del profilo di DTTM
Foto del profilo di Miss sunshine
Foto del profilo di antonellapaper
Foto del profilo di livialidia
Foto del profilo di Salix
Foto del profilo di alpumi
9
Foto del profilo di János Valuska
5
Foto del profilo di Debus
Foto del profilo di Mart1
Foto del profilo di Mr. Wolf
8
Foto del profilo di doctorgonzo
8
Foto del profilo di scuotivento
Foto del profilo di eosmartyna
Foto del profilo di jimmy
9

CONDIVIDI SU FACEBOOK I TUOI VOTI E LE TUE RECENSIONI DI NIENTEPOPCORN.IT

Puoi condividere sul tuo profilo di Facebook voti e le recensioni che scrivi su nientepopcorn.it.
E' necessario fornire il consenso alla pubblicazione in tuo nome all'applicazione di Facebook "NientePopcorn.it";

dopodichè ogni volta che voti, aggiungi un film al tuo profilo o scrivi una recensione ricorda di cliccare prima "PUBBLICA SU FACEBOOK" (che diventerà di colore blu).

Di seguito riportiamo alcuni esempi di pubblicazione:

screenshot

fbscreenshot02