Ah, l’amour! San Valentino è, per tradizione, la festa degli innamorati, tripudio di rose scarlatte e cioccolatini, bigliettini rossi, peluche e cuoricini trafitti. Perché non trascorrere la serata più romantica dell’anno, guardando un film che parla d’amore? La storia del cinema è costellata da migliaia di pellicole dedicate all’argomento, con svariate declinazioni: dal colpo di fulmine inaspettato, alla passione più cocente, passando per gli amori adulteri e le cotte adolescenziali. Nientepopcorn.it vi consiglia alcuni film sentimentali particolarmente originali dedicati a questo folle sentimento che, per citare il Poeta, move il sole e l’altre stelle.

What If: Wallace e Chantry si incontrano a una festa, si piacciono ed è chiaro che sono fatti l’uno per l’altra, ma lei è già fidanzata. Che fare? La famosa “regola dell’amico” potrebbe funzionare?

Dolls: quattro stagioni per tre storie d’amore drammatiche.

Blue Valentine: gli anni passano e il sentimento che, anni fa, univa Cindy e Dean sembra scomparire davanti ai loro occhi.

Laurence Anyways: quella a cui sceglie di sottoporsi Fred è una prova d’amore di grandi proporzioni, capace di lacerarla intimamente, pur non scalfendo i suoi sentimenti per Laurence.

One Day: il 15 luglio di ogni anno Emma e Dexter si ritrovano, per celebrare un’importante ricorrenza. Questa data, però, è anche l’occasione per rinsaldare il loro rapporto in bilico tra l’amicizia e l’amore.

Wristcutters – Una storia d’amore: e se esistesse un particolare “aldilà” apposta per i suicidi? E se in questo “altrove” potesse nascere un nuovo amore? Una commedia nera originale e divertente.

In the Mood for Love: la scoperta del tradimento da parte dei rispettivi coniugi unisce profondamente due vicini di casa, in tripudio di eleganza kitsch e di ritmi al ralenti.

Submarine: da buon adolescente, Oliver si dibatte tra lo strano sentimento nei confronti di una compagna di scuola sopra le righe e la paura che il matrimonio dei suoi genitori finisca. Con la colonna sonora originale di Alex Turner degli Arctic Monkeys.

Il lato positivo: un maniaco depressivo ed una giovane e bella vedova in rehab da sesso e psicofarmaci sono nemici-amici che, insieme, potrebbero dare una svolta alle proprie vite. Intanto, c’è una gara di ballo a cui partecipare!

Ubriaco d’amore: un sorprendente Adam Sandler è l’unico maschio in una famiglia di sole (chiassose) donne. Dettaglio di non poco conto, dato che influenza il suo rapporto con l’altra metà del cielo.

Beautiful Thing: l’amore tra due ragazzi londinesi, provenienti da contesti sociali problematici, riuscirà a superare i pregiudizi sessisti che li circondano?

Il giardino delle parole: un ragazzo che sogna di disegnare splendide scarpe ed una giovane solitaria si incontrano in un lussureggiante giardino. Senza mettersi d’accordo, i due continueranno ad incontrarsi solo nei giorni di pioggia.

Qualcuno da amare: in maniera inaspettata, tra la prostituta occasionale Akiko e un anziano cliente sboccia un sentimento inatteso.

#Scrivimiancora: tra Rosie e Alex sta per mettersi di mezzo… l’Oceano! La loro amicizia (e, forse, il loro amore) resisterà alla prova della distanza?

Emotivi anonimi: Angélique ha paura di tutto e Jean-René teme l’intimità con le donne: esprimere i propri sentimenti sarà difficilissimo!

Lettera a tre mogli: tre amiche si arrovellano per capire se il proprio matrimonio è riuscito felicemente o meno.

Moonrise Kingdom: cosa c’è di più romantico di una fuga d’amore? Se ad architettarla, poi, sono due ragazzini originali come quelli descritti da Wes Anderson, le emozioni sono assicurate.

Solo gli amanti sopravvivono: una coppia di vampiri attraversa i secoli ed i continenti mantenendo intatto l’amore che lega l’una all’altro.

Across the Universe: la musica dei Beatles accompagna la storia d’amore tra Jude e Lucy, lui inglese e lei americana, all’ombra della guerra del Vietnam e dei movimenti pacifisti.

Adele H., una storia d’amore: l’ossessione amorosa divora, sfianca, umilia, rende letteralmente folli.

Dieci inverni: la laguna di Venezia è lo scenario in cui palpitano i sentimenti contrastanti di una coppia di studenti che si prendono, si lasciano, si perdono, si ritrovano in un arco di tempo lungo dieci anni.

Paperman: uno sguardo, il caso ci mette lo zampino… e poi un mare di aeroplanini di carta, per conquistare gli occhi più dolci della metropoli.

L’amore che resta: Gus Van Sant imbastisce una triste storia d’amore che ha il passo di una ballata gentile che spezza il cuore anche se si conclude con un sorriso.

Il tempo delle mele: quattordici anni da compiere e tanta voglia di diventare grande, la prima cotta, le prime gelosie ed una festa di compleanno che segna il definitivo ingresso nell’adolescenza: voilà un cult sentimentale anni Ottanta.

5 commenti

  1. icarus / 8 febbraio 2015

    Ma è stato tolto qualche titolo?

  2. Uno spettatore qualunque / 8 febbraio 2015

    Di tutti quelli citati, ho visto solo Paperman :P. Comunque credo che San Valentino lo trascorrerò in compagnia di una bella montagna di cioccolatini e, naturalmente, di un’altrettanta bella montanga di film (oltre che di esami universitari :D) .

Lascia un commento

jfb_p_buttontext